CAMBIARE GRAZIE ALLE BUONE IDEE

Per cambiare bisogna avere coraggio e inventiva

Parliamoci chiaro: un cambiamento è sempre un trauma per quanto possa essere positivo. Per innescarlo, inoltre, occorre avere una buona idea.

Sviluppare idee


Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

Migliorare, come sappiamo, è uno dei cardini della Qualità. Ma per migliorare, a volte, servono nuove idee e non è sempre facile trovarle.

A partire da questa settimana prenderemo in esame le principali tecniche per trovare nuove ispirazioni e nuove idee e indicheremo per ognuna i tratti principali perché possano essere messe subito in pratica in modo da trarre un vantaggio immediato dalla loro applicazione.

Vantaggi - Svantaggi

Ci sono diverse varianti di questa tecnica: qui ci limiteremo a descriverne solo due. La prima si basa sui criteri impliciti mentre la seconda utilizza criteri espliciti.

Questi sono gli step da seguire per appplicare la prima variante:

  • per ogni idea sviluppate una lista separata dei vantaggi e degli svantaggi che deriverebbero dalla sua applicazione
  • selezionate l'idea (o le idee) che ha conteggiato più vantaggi e meno svantaggi

Per la seconda variante, invece, occorre:

  • sviluppare una serie di criteri da utilizzare per valutare le idee raccolte
  • elencare questi criteri su un foglio di carta nella parte alta e in orizzontale
  • riportare sullo stesso foglio tutte le idee raccolte, elencandole in verticale
  • passate in rassegna tutte le idee che avete avuto, segnando una crocetta in corrispondenza di ogni vantaggio che si può ottenere mediante la sua applicazione
  • contate le crocette ottenute da ogni idea e selezionate quella che ne ha di più

Entrambe le varianti di questa tecnica presentano dei pro e dei contro.
La prima, ad esempio, ha come vantaggio il fatto di prendere in considerazione vantaggi e svantaggi che possono essere peculiari anche solo di una singola idea.
D'altro canto, però, la sua applicazione richiede più tempo, dato che un confronto diretto è più difficile visto che mancano dei criteri standard e "pesati" e che la valutazione è soggetta al filtro dell'esperienza di chi la fa.
Il punto di forza della seconda variabile, invece, risiede nella sua capacità di riuscire a valutare un numero maggiore di idee in meno tempo, proprio grazie all'utilizzo di criteri standardizzati e al fatto che i risultati sono sicuramente meno manipolabili. Anche questo metodo, però, presenta almeno uno svantaggio, quello di pretendere risposte forzate: "bianco" o "nero", "sì" o "no".

Metodo Battelle

Sviluppato dall'Istituto Battelle di Columbus, Ohio, per effettuare uno screening delle opportunità di sviluppo dei singoli business, il metodo Battelle utilizza tre diversi livelli per valutare le idee.
Ogni livello fa riferimento a criteri che, progressivamente, portano ad una lievitazione dei costi.

Nel metodo Battelle i costi si riferiscono all'investimento di risorse richiesto per ottenere le informazioni che servono per valutare un'idea. Le idee, dunque, vengono divise in tre livelli: quelle che si possono valutare facilmente mediante una raccolta di informazioni agevole (primo livello), quelle la cui valutazione è più impegnativa perché si basa su informazioni un po' più difficili da ottenere (secondo livello) e, infine, quelle veramente difficili da valutare proprio per la difficoltà ad avere informazioni affidabili su di esse e sulla possibilità di una loro applicazione. Il vantaggio di questo metodo è che rende possibile ridurre un gran numero di idee a poche, riducendolo solo a quelle che possono essere messe facilmente sotto esame.

Per applicare il metodo Battelle occorre:

  • sviluppare dei criteri relativi ai costi di un'eventuale analisi dell'applicazione di ogni idea
  • stabilire un punteggio soglia per accettare o meno un'idea in base alla valutazione fatta in precedenza relativamente ad ogni criterio scelto
  • confrontare ogni idea con i criteri elencati e rispondere se è facile valutarla o meno in base ad essi
  • eliminare ogni idea che riceve un certo numero di "no" come risposta
  • facendo riferimento alle idee rimaste, eliminare quelle che ricadono sotto la soglia minima stabilita in precenza
  • a questo punto le idee sopravvissute andranno valutate mediante un punteggio ottenuto moltiplicando il valore ottenuto dal confronto con ogni criterio per il peso ad esso assegnato

Questa procedura può anche servire a migliorare la comunicazione tra i vari dipartimenti aziendali. Tenete riunioni settimanali per discutere i problemi lavorativi con il metodo Battelle.
L'idea scelta potrà venire implementata da sola o con altre o tenuta da parte per un'ulteriore analisi.

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

Uno dei maggiori vantaggi del metodo Battelle è che fornisce un modo abbastanza efficiente per esaminare in maniera sistematica le idee. Mediante il coinvolgimento di un gruppo di lavoro nello sviluppo dei criteri di riferimento per l'analisi delle idee, inoltre, si farà in modo di aumentare l'impegno di ogni singola persona verso questo tipo di lavoro. Infine, l'utilizzo di criteri pesati assicura di assegnare ad essi un'importanza diversa a seconda dell'impatto che possono avere.

(Seconda parte)

(Terza parte)

PER SAPERNE DI PIU':

Su QualitiAmo non sono presenti altri articoli su questo argomento


cerca nel sito