RESPONSABILE GESTIONE QUALITA':
LE COMPETENZE

Studiare da Responsabile Qualità

Quello che segue è il primo di una serie di articoli che dedicheremo alla formazione del Responsabile Gestione Qualità, un tema assolutamente centrale se si vuole entrare nello spirito della ISO 9001

seminario


Grandezza caratteri: piccoli | medi | grandi

La qualità non si improvvisa

Anche se quando la Qualità c’è non è così evidente, quando manca è sicuramente lampante la mediocrità che circonda questa assenza.
Il paragone che viene alla mente è quello con uno scaffale di casa nostra: se è ordinato e non vi regna la polvere nessuno lo noterà con particolare solerzia, ma se il disordine e la polvere prenderanno vita su di esso, lo si noterà immediatamente.

Il portavoce della qualità in azienda è il Responsabile Qualità che riveste, per la natura stessa del suo lavoro di “supervisore” del lavoro altrui, un ruolo delicato e di primaria importanza.
Da lui tutti si aspettano competenze superiori alla norma e una sorta di esempio permanente di come si debba lavorare, pena, alla minima imperfezione, renderlo oggetto della battuta “ma non sei proprio tu che ti occupi di Qualità”?

La sua difficile convivenza con le altre funzioni, soprattutto in realtà dove la Qualità rappresenta ancora il male necessario per strappare la sudata certificazione e non un nuovo modo di lavorare, gli impone di cancellare dall’immaginario collettivo la vecchia figura del burocrate estensore di procedure con la quale viene spesso identificato, “riverniciandola” con nuove competenze e conoscenze basilari di management.

Il Responsabile Qualità, osteggiato perché il suo lavoro viene spesso visto come antagonista di costi e produttività, deve lavorare al servizio di tutti e con la collaborazione di tutti, questo è fondamentale perché possa esplicare al meglio il proprio ruolo in azienda.
All’interno dell' organizzazione, dovrà vincere le resistenze soprattutto dei livelli intermedi che vivranno la necessità del cambiamento e l’istituzione di regole da seguire su attività che avevano sempre svolto in autonomia, come una cessione di conoscenze personali e, dunque, di potere.

Un ruolo così complesso e delicato dovrà arricchirsi di competenze manageriali ma anche sviluppare la capacità di dialogare con i tecnici, pena la perdita di credibilità.
L’uomo-qualità dovrà diventare, col tempo, il più fine conoscitore dei meccanismi organizzativi che regolano l’azienda e, dunque, una figura di riferimento alla quale tutti potranno rivolgersi per trovare un valido supporto nella risoluzione di problemi di tipo organizzativo e gestionale.

Per sopravvivere saldamente al timone di questa carriera difficile ma affascinante senza rimanere schiacciati dalle esigenze e dalle abitudini di colleghi e superiori, occorrono molteplici conoscenze sia specificatamente tecniche che trasversali.

(L'articolo continua sotto al box in cui ti segnaliamo che alla collana di libri QualitiAmo si è aggiunto un nuovo titolo).

LA COLLANA DEI LIBRI DI QUALITIAMO

"La nuova ISO 9001:2015 per riorganizzare, finalmente, l'azienda per processi" - Si aggiunge alla collana dei libri di QualitiAmo il primo testo che svela i segreti della futura norma.
Dalla teoria alla pratica: il secondo lavoro di Stefania Cordiani e Paolo Ruffatti spiega come migliorare la vostra organizzazione applicando la nuova norma attraverso i suggerimenti del loro primo libro
(Vai all'articolo che descrive il nuovo libro)

"Organizzazione per processi e pensiero snello - Le PMI alla conquista del mercato" - Da una collaborazione nata sulle nostre pagine, un libro per far uscire le PMI dalla crisi.
L’ideatrice di QualitiAmo e una delle sue firme storiche spiegano come usare con efficacia la Qualità.
(Vai all'articolo che descrive il primo libro)

(Vuoi restare aggiornato gratuitamente sulla nuova ISO 9001:2015? Visita ogni giorno la pagina che ti abbiamo linkato.
In calce all'articolo riporteremo quotidianamente un aggiornamento sulla futura norma)

Per quanto riguarda le conoscenze squisitamente “trasversali”, vi rimandiamo alla sezione nella quale si parla delle caratteristiche del Responsabile Qualità.
Per un elenco preciso e dettagliato delle competenze tecniche, invece, vi diamo appuntamento al prossimo approfondimento, con l’augurio che ogni professionista possa rilevare tramite esso eventuali lacune nella propria preparazione e trovare nuovo entusiasmo per colmarle con cognizione di causa.

Del resto non dimentichiamo che proprio uno dei grandi “guru” della qualità, W. Edward Deming, nel suo libro “Out of the crisis” ci ricorda che dobbiamo sforzarci ogni giorno di imparare qualcosa per diventare sempre più esperti nel nostro lavoro e nelle nostre vite.

PER SAPERNE DI PIU':

Le conoscenze tecniche specifiche
La sezione dedicata al Responsabile Qualità
Abilità e conoscenze del RGQ
Consigli per un RGQ
Aforismi sul Responsabile Qualità
Iscrivendovi al nostro forum potrete ampliare notevolmente l'argomento. Ne parliamo in questa discussione


cerca nel sito